Spesso si sente parlare di bassa autostima, ma poco del suo suo eccesso

Sono tantissimi i corsi che aiutano a lavorare sulla propria autostima.

Non ci interessa sapere se funzionano o meno, non siamo i detentori della verità assoluta.

Ma è chiaro che: la bassa autostima può anche essere un ottimo punto di partenza.

Quando si è onesti con se stessi e si comprendere che abbiamo carenza di autostima, di riflesso sappiamo anche dove andare a lavorare per migliorare.

Invece quando siamo in eccesso di autostima accadono i guai peggiori.

L’eccesso di autostima è più pericolosa

Prendi come esempio i corsi di motivazione dove va di moda dire che tutti possono raggiungere qualsiasi obiettivo.

Voler raggiungere qualsiasi obiettivo significa non sapere che cosa si vuole.

Qualsiasi è una parola vuota.

Qualsiasi è fratello del niente.

Invece è vero che tutti possono raggiungere i loro obiettivi, ma solo se ci sono due aspetti alla base:

  • Occorre volare nei cieli dei propri sogni, quindi occorrono anche le ali. Le tue ali.
  • L’obiettivo deve essere il tuo e non l’aspettativa di qualcun altro

VOLARE NEL TUO CIELO

Ognuno ha il suo cielo. Nel nostro cielo interiore c’è una forza di gravità che vale solo per noi.

Quando voliamo nei cieli di qualcun altro, sbattiamo inevitabilmente per terra

Perché non è il nostro cielo e quindi non voliamo, ma qualcuno ci ha lanciato in aria.

Prendi come esempio i motivatori.

I motivatori ti lanciano in cielo, poi sono fatti tuoi.

E non è sbagliato, quello è il loro compito.

Quando la motivazione (non tua) finisce, finisce anche l’energia (non tua) e quindi vai a sbattere per terra.

E cadi più indietro rispetto al punto dal quale sei partito. Significa peggiorare.

Questo accade perché c’è un eccesso di autostima, che ti porta in cielo quel tanto che basta per schiantarti al suolo

Come Icaro della mitologia. Si costruisce le ali di cera (apparenza) e quando si avvicina al sole sono guai.

Il sole illumina le tue ali, tue perché ti appartengono.

Se non sono tue ma di cera (finte) come nell’esempio di Icaro, il sole le scioglie.

E dal sole ci si schianta al suolo.

Per volare occorre spiegare le ali, le tue, sia quella destra che quella sinistra. Solo così sei indipendente, quindi forte.

Se non sai ancora spiegare le ali è anche perché hai una bassa autostima ed è un punto di partenza oggettivo.

Chi ha un’alta autostima ora, aveva una bassa autostima prima, quindi niente di grave

motivazione

L’OBIETTIVO DEVE ESSERE IL TUO, NON L’ASPETTATIVA DI QUALCUN ALTRO

L’eccesso di autostima ci porta a voler assecondare le aspettative degli altri.

Assecondare le aspettative degli altri ha più a che fare con la sindrome di onnipotenza che con il voler aiutare gli altri.

Anche assecondare le aspettative degli altri per convenienza è un eccesso di autostima.

Da un lato pensiamo di non essere in grado di raggiungere i nostri obiettivi, dall’altro crediamo di poter avere successo facendo quello che non va bene per noi.

E lo sentiamo nel nostro stomaco (Happy) che non va bene per noi.

Il successo lo si ottiene solo se facciamo quello che sentiamo autentico nel cuore, altrimenti a cuore spento c’è solo il rumore dello schianto al suolo

avere successo

E fa male.

L’obiettivo deve essere tuo, perché il primo obiettivo sei TU, autentico.

Bene. Ora sappiamo che spesso agiamo come una pallina da ping pong fra le racchette della bassa ed alta autostima.

Quindi ci occorre equilibrio.

Come si crea?

Ascoltando il tuo Happy.

Happy che dimora nel tuo stomaco, parla chiaro. Dice sempre la verità.

Quando lo ascolti senti la verità.

La verità è equilibrio.

Quando fai quello che senti autentico per te, di riflesso stai già calibrando la tua autostima.

L’autostima è una virtù. Ci sono tante virtù e la verità è la madre di tutte le altre

La verità quindi, è anche la madre dell’equilibrio.

Senza verità non solo non si vola ma è impossibile anche stare si in piedi.

Ascolta il tuo Happy. Senti nella verità ciò che è autentico per te, come è autentico il tuo Happy.

Solo dopo hanno senso i corsi sull’autostima, perché si basano sulla tua verità autentica.

Altrimenti sono solo informazioni che abbracciano la mente senza passare dal cuore.

E non ti accendi, al massimo ti bruci.

L’eccessi di autostima ti fa schiantare più indietro rispetto a dove eri prima. La bassa autostima ti fa restare a terra.

L’equilibrio sta nel vivere la tua essenza e di conseguenza: volare.

Abbraccia il tuo Happy che dimora nel tuo stomaco. Ascoltalo.

Quando ascolti il tuo Happy scopri che non ti servono le ali, le hai già.

Le spieghi… e tutto il resto è luce. La TUA.