Seleziona una pagina

Sei tu a dirigere i lavori per la costruzione del tuo equilibrio interiore

Se non ti occupi del tuo equilibrio interiore, se ne occuperanno due signori e anche se non sai ancora bene chi sono, loro invece sanno molto bene chi se tu.

Il Sig. Quale ed il Sig. Quanto, li conosci?

Dovresti, perché loro conoscono te.

Il Sig. Quale gestisce una parte della tua bilancia, scegli tu quale parte. Mentre il Sig. Quanto gestisce l’altra parte.

E sai cosa c’è su quella bilancia? Le tue scelte. Quindi, la tua Vita.

Il tuo equilibrio interiore.

Questi due signori sono simpatici ed anche abbastanza birichini, perché è difficile che vadano d’accordo senza di te.

Se li lasci fare decidono da soli e quindi, prendono le decisioni anche per te.

qualità della vita

Le decisioni sono alla base della Qualità della tua vita e determinano Quanto sei contento della tua vita.

La verità è una sola: Il Sig. Quanto ed il Sig. Quale devono per forza andare d’accordo, perché sono interdipendenti.

Facciamo una prova?

Bene. Vorrei una macchina bella, spaziosa e con i comfort che mi piacciono.

E quanto vuole spendere?

Ma in realtà, posso spendere poco.

Ecco, la quantità sta inibendo la qualità.

Ora dirai: è facile parlare, prova ad avere pochi soldi.

E invece no.

Non è facile parlare, perché parlare significa dipingere la propria realtà di vita, dosando quantità e qualità di colori

Invece, è facile ripetere abitudini depotenzianti attraverso le parole. Quello è facile.

Ma non serve a nulla, se non a restare dove sei se ti va bene.

Facciamo un’altra prova.

Cosa vuoi fare nella vita?

Voglio lavorare meno per guadagnare di più?

E quale lavoro vorresti fare?

Vorrei fare lo (scegli tu) ma so che c’è gente più brava di me. Le persone a me vicine mi dicono spesso di restare con i piedi per terra.

Ecco, qui è la qualità a inibire la quantità.

Questi sono i giochini della mente, dei suoi condizionamenti e dei suoi automatismi depotenzianti e privi di qualsiasi funzionalità

La vita stessa ci insegna che il successo è un fatto tecnico e che la tecnica si basa sempre sull’equilibrio.

Quindi, il successo si basa sul tuo equilibrio interiore.

Il giusto equilibrio fra quantità e qualità è il tuo GPS interiore che ti guida verso la direzione giusta, quella che senti nello stomaco.

equilibrio interiore

I Goals devono essere Happy.

Ed Happy dimora proprio nel tuo stomaco e ti avvisa quando hai selezionato le coordinate giuste, quelle che ti guidano verso la tua luce.

È inutile fingere. Non puoi essere altro che te stesso e per avere successo devi fare quello che ti piace, che fra l’altro è anche quello che ti riesce meglio.

La Quantità del tuo successo è determinata dalla Qualità delle tue sensazioni mentre lo crei.

La Qualità del tuo successo quando lo ottieni è determinata dalla Quantità di felicità che ti ha accompagnato nel viaggio.

Il viaggio finisce e ne inizia un altro, gli obiettivi si raggiungono (traguardo), le esperienze si vivono e le persone intorno a noi cambiano.

Happy no, resta dov’è e si autoalimenta ogni volta che fai Goals essendo Happy.

È come una ruota dinamo di energia, che si autoalimenta nel tuo stomaco.

Basta iniziare a spingerla nel verso giusto.

Il Sig. Quale ti può aiutare a spingerla nel verso giusto ed il Sig. Quanto con la forza giusta. E lo fanno se glielo dici.

Altrimenti il Sig. Quale ed il Sig. Quanto ti mettono i bastoni fra le ruote, non perché sono cattivi, ma solo perché glielo lasci fare

E quindi, agiscono prima per conto loro e poi anche per tuo conto.

La stessa cosa che accade nella tua mente.

Se non la gestisci va per conto suo, attraverso quel dialogo mentale, inutile e logorante che noi chiamiamo erroneamente pensiero.

Qualità e quantità sono la faccia della stessa medaglia.

Nel loro equilibrio, che poi è il tuo, c’è Happy.

E dopo Happy ci sono i Goals. I tuoi Goals.

Come fare?

Intanto scarica il primo capitolo di Happy Goals in versione audio.

Li trovi sia le istruzioni per iniziare a leggere il libro e sia il primo manuale di guida per settare le tue coordinate.

Dopo possiamo parlare del tuo OttoVolante.

Perché serve un metodo per volare. Ma non solo.

Ti occorrono anche due ali, che devono esser in equilibrio.

Esatto, come il Sig. Quale ed il Sig. Quanto.